Visualizzazioni totali

mercoledì 29 dicembre 2010

Sulla traccia della camera d'ambra scoperta una mappa



MILANO - Il tedesco Andreas Uckert, scrive il giornale online Austrian Times, è alla ricerca di un finanziatore per iniziare le ricerche del tesoro degli zar, ovvero la «camera d'ambra» regalata nel 1716 da Federico Guglielmo I re di Prussia allo zar Pietro il Grande. Uckert sostiene di avere una mappa con l'indicazione del posto dove si trova l'originale della preziosa stanza del Palazzo di Caterina a San Pietroburgo, sparita durante la guerra e ricostruita a partire dal 1957. Sarebbe nei pressi di Fulda (centro della Germania), seppellita in tre bunker. Sulla mappa vi sarebbero anche alcune frasi scritte in inchiostro simpatico con la firma AH (Adolf Hitler?).

EFFETTO ORO - La camera d'ambra, un capolavoro dell'arte barocca, era grande più di cento metri quadrati, rivestita dal pavimento al soffitto con 107 pannelli di ambra del mar Baltico. Quando le 565 candele venivano accese l'effetto era magnifico: sembrava di essere immersi nell'oro. Gli incisori di Koenigsberg avevano impiegato sette anni per completarla. Pietro il Grande la fece montare dall'architetto fiorentino Francesco Bartolomeo Rastrelli (1700-1771) a Tzarskoe Zelo e per 200 anni fu il gioiello più prezioso dei Romanov. La bellissima opera d'arte fu asportata dai nazisti durante i tre anni del terribile assedio di Leningrado. In quel periodo, Tzarskoe Zelo e il suo tesoro furono saldamente in mano ai tedeschi. Quando, nel '43, le sorti della guerra cambiarono e l'Urss passò alla controffensiva, i nazisti smontarono la camera d'ambra pezzo per pezzo e la imballarono in ventidue casse d'acciaio che furono trasportate nell'ex palazzo reale di Koenigsberg. L'anno dopo, i sovietici conquistarono la Prussia orientale e le casse finirono nelle mani delle SS.

LA CACCIA E' APERTA - Da allora, del tesoro degli zar, si sono perse le tracce. L'attuale valore monetario della camera dovrebbe aggirarsi intorno ai 150 milioni di euro. «È da una vita che vado alla ricerca di vecchi documenti. Ho trovato la mappa in una bancarella a Berlino lo scorso 17 giugno. Sulla mappa vi sono un'aquila e una svastica. Mettere in vendita simboli nazisti è un reato, in Germania. Forse per questo il venditore me l'ha ceduta per pochi soldi e in fretta. Osservandola meglio, mi sono accorto delle scritte nascoste che ho potuto leggere con una torcia elettrica», dice Andreas Uckert. Nel passato, la camera d'ambra è stata cercata dappertutto: nelle fortezze della Turingia e nei castelli sassoni, dentro il relitto di una nave affondata nel mare del Nord e nelle vicinanze del Nido dell'aquila a Berchtesgaden, la residenza estiva di Adolf Hitler. Andreas Uckert cerca, appunto, un mecenate che paghi le spese delle ricerche. Il giornale austriaco mette anche il suo numero di telefono. Eccolo, per chi fosse interessato ad una caccia al tesoro: +49 3306 204 71 98.
Fonte
Paolo Torretta corriere delle sera

mercoledì 22 dicembre 2010

I piu' ricchi naufragi ancora da scoprire


Qui di seguito i relitti dei piu' ricchi naufragi ancora da scoprire o scoperti parzialmente.
Flor de la Mar - Sumatra, Malaysia
Tra i più ricchi naufragi mai recuperati nel 16 ° secolo la nave portoghese, Flor de la Mar è affondata nel 1.511 in una tempesta al largo della costa settentrionale di Sumatra.Essa conteneva i tesori rubati del regno di Melaka di cui 60 tonnellate d'oro sono ancora da scoprire nonostante si trovi in alcune delle migliori acque piu' visitate al mondo dai sub.
Merchant Royal - Dartmouth, Regno Unito
Uno dei piu' grandi tesoro non trovati della Gran Bretagna si trova a 21 miglia (34 km) da Land's End, in Cornovaglia. Il Merchant Royal, ritornando in Inghilterra con un carico di tesoro spagnolo affondo'a causa di una bufera il 23 settembre 1641, conteneva 500 barre di oro, argento e pietre preziose.
San Jose - Penisola Baru, Colombia
Nel 1708, durante la guerra di successione spagnola,il comandante inglese, Charles Wagner catturava e affondata nave spagnola San Jose, in meno di 1000 piedi (305 metri) di acqua cristallina, tra la Isla del Tesoro (nota come isola del tesoro) e Baru Penisola.Il carico del San José è stimato oggi per un valore di oltre un miliardo di dollari.
Nuestra Senora de Atocha - Key West, Florida,USA
Nel 1985, in Florida,il cacciatore di tesori Mel Fischer ha trovato il filone principale, quando, dopo 16 anni di caccia a questa nave, ha individuato il relitto della Nuestra Señora de Atocha a circa 35 miglia (56 km) al largo della costa di Key West, in Florida.Ha recuperato oltre 40 tonnellate di argento e oro, 100.000 monete spagnole e smeraldi colombiani,e ancora non stato scoperto tutto.
HMS Victory - Canale della Manica, Regno UnitoNel 2009 la società americana Odyssey Marine Exploration ha annunciato di aver scoperto la nave ammiraglia di Lord Nelson, affondato nel 1744, su un gruppo di rocce conosciuto come The Casquets vicino alle isole della Manica.Si pensa che contenga oltre 100.000 monete d'oro.
Notre Dame de la Deliverance - Key West, Florida, USA
Nel novembre del 1755 il galeone spagnolo di Notre Dame de la De la liverance che trasportava tesori raccolti dalle miniere in Messico, Perù e Colombia.affondo in un uragano , a 40 miglia da Key West in Florida. Contenente una cifra stimata di 2 miliardi di oro e argento , il luogo dell'affondamemto sarebbe stato scoperto nel 2003, ma deve ancora essere recuperato.
Hoi An Junk - Da Nang Penisola, Vietnam
Negli anni 1990 una giunca è stato scoperto in oltre 260 piedi (79 metri) di acqua, a 14 miglia (22,5 km) dalla penisola di Da Nang,in Vietnam.Sembra essere di origine thailandese, spettacolare il suo carico di ceramiche blu e bianche e policrome, dipinte con figure umane, paesaggi, pesci, uccelli e animali mitologici, risale al Vietnam's Golden Age of metà del secolo 15.

sabato 18 dicembre 2010

RIPORTATO IN SUPERFICE UNA NAVE DEL 14° SECOLO DA UN TSUNAMI

La natura prende e la natura da.
Una nave affondata del 14° secolo e contenente ceramica verde e grigia è stato trovato al largo di alcune remote isole indonesiane di recente colpite da uno tsunami.
I pescatori che hanno trovato la nave ritengono che il 26 ottobre un onda al largo delle isole Mentawai - che ha ucciso più di 500 persone - sollevò di 7 metri una nave dal fondo dell'oceano e la spinse vicino a riva, ha detto Yosmeri, che dirige a ovest di Sumatra marittimi e della pesca Dipartimento.
Navi di legno cariche di vasi in ceramica, collane d'oro e spezie preziose per secoli han navigato nelle acque indonesiane, una rotta commerciale chiave che collega l'Asia con l'Europa e il Medio Oriente.
I vasi, brocche e ciotole trovate la scorsa settimana devono ancora essere sottoposti a test per determinare la loro origine e l'età, ma ha aggiunto che sono simili agli artefatti 14 ° secolo si trova all'interno affondate le navi cinesi.
Pescatori locali dicono che hanno trovato la nave di legno dopo aver individuato il suo albero di 4 miglia (6 km) dalla spiaggia off Pagai Island, più duramente colpite dallo tsunami.
Costoro si sono immersi nell'acqua e sono emersi con diverse brocche ben conservati e vasi trovati nello scafo, che hanno detto era carico di altri tesori.
Immagini dei reperti sono stati inviati nella capitale, Giacarta, e le squadre saranno inviate nella zona presto per effettuare una ricerca più ampia

mercoledì 15 dicembre 2010

TROVATI 24 CHILI DI MONETE D'ORO TROVATE IN VIETNAM



Venti quattro chilogrammi di monete risalenti al 18 ° secolo sono stati trovati in una residenza privata a Hai Phong City.
Le monete sono state consegnate al Museo della città in questa settimana, ha detto Do Trung Xuan, il vice-direttore del museo.
Nguyen Van Bay era intento ad un lavoro di ristrutturazione di un piccolo molo di legno sopra un laghetto di fuori della sua casa in Quoc Tuan Comune, un distretto Lao, quando ha trovato le monete antiche.
Trung ha detto che dopo la pulizia e la cernita, hanno trovato che alcune monete erano state coniate durante il regno di Cina di Qianlong, mentre altri erano stati prodotti dai contadini in rivolta del Vietnam nel 18 ° secolo.
Le monete sono state imballate in un vaso in terracotta variopinto e nascosto nello stagno. All'interno del vaso vi erano anche dei dobloni in zinco-bronzo che hanno assunto una colorazione scura nel corso degli anni.
La famiglia Bay è stata premiata dal Museo per la loro scoperta e la loro disponibilità per averlo consegnato al museo.
Trung ha detto che il museo della città ha una vasta collezione di monete antiche, ma nessun archeologo fino ad oggi aveva mai fatto una scoperta di quest'entità. I tesori antichi sono in grado di raccogliere polvere nel museo per mancanza di cure di esperti. Le monete recentemente scoperte probabilmente avranno un destino simile.

fonte http://www.antikitera.net/news.asp?id=9615&T=4

Trovati tesori in un fiume cinese

In un fiume di una borgata di Pengshan, nella provincia del Sichuan è stata battuto da cacciatori di tesori da quando una lastra di bronzo è stata scoperta. Funzionari del governo locale ha detto che la corsa all'oro è motivo di preoccupazione.
La gente cerca presso il fiume fino Minjiang in borgata Jiangkou, Pengshan, dove Zhang Xianzhong (1606-1647), il leader di una rivolta contadina durante la fine della dinastia Ming (1368-1644), affondò numerose barche piena di gioielli.
Una voce che un piatto d'oro è stato trovato nel letto del fiume ha sollevato interesse tra i residenti locali. Il locale ufficio culturale ha dichirato che era solo una targa di bronzo non oro, ma nonostante tutto non si è riuscito a fermare la corsa all'oro.
Liao Mingfang, segretario del Partito del villaggio Shuangjiang in Jiangkou, ha detto al Global Times che circa 300 cacciatori di tesori hanno visitato la riva del fiume Minjiang ogni giorno.
Liao ha detto che alcuni di loro hanno trovato gioielli in oro o argento e li hanno venduti o conservati. "Alcuni abitanti del villaggio hanno venduto un anello o una collana per 50.000 yuan (7.500 dollari)," ha detto Liao.
"Solo tre funzionari del Cultural Pengshan Relic Bureau sono arrivati sulla riva del fiume per fermare i cercatori d'oro, ma nessuno dei cercatori ha rispettato i loro ordini", ha detto Liao.
Secondo la legge sulla protezione dei beni culturali Reliquie, chi si rifiuta di consegnare le reliquie culturali potrebbero essere multati fino a 50.000 yuan (7.499 dollari) e gli oggetti saranno sequestrati.

TESORI E LEGGENDE L'ORO PERDUTO DELLA CONFEDERAZIONE

Molti stati americani e regioni del canada hanno i propri aneddoti
sull'oro perduto della Confederazione. seconcdo Warren Getler e Bob
Brewer, gli autori di Rebel Gold, negli anni sessanta del 1800 alcune spie
del sud provenienti da ogni parte della confèderazione seppellirono
milioni di dollari in oro da una parte all,altra del Canada, con la
speranza di finaziare in futuro una seconda guerra. Alcuni credono
che gran parte di quest'oro sia stata trasferita negli stati del sud. Le
storie sull'oro confederato abbondano, ma una di esse spicca sulle altre
ed è uno dei misteri piu'duraturi della Georgia.
Quando le monete d'oro e i lingotti scomparivano nel l865 valevano circa
100.000 dollari. Oggi, questo tesoro varrebbe oltre un milione di dollari.
Il 24 maggio 1865, due carovane furono caricate con una piccola fortuna
in oro. Una carovana conteneva cio che restava del tesoro della
confèderazione, l'aitra era piena di denaro proveniente dalle banche
della Virginia. Esistono varie versioni su quanti fossero i carri, su quanto
contenessero e su dove fossero diretti. Lufficio del turismo di Lincoln
County' afferma: sette carri carichi d'oro partirono da'Washington [in
Georgia] diretti a Abbeville, nella calorina del sud, dove l'oro doveva
essere inviato tramite la ferrovia verso la capitale della confederazione,
Riclimond, in virginia. Altri racconti narrano che l'oro fu portato via
dalla virginia in tutta fretta quando Jefferson Davis si diede alla fuga.
Un'altra versione ancora racconta che il denaro fu portato dal capitano
di marina'William H. Parker e dai suoi uomini ad Anderson, nella
carolina del sud, e poi a Savannah, dove sarebbe stato caricato su una
nave diretta in Francia. I francesi avevano fornito ingenti somme per
finanziare la causa delLa confederazione e Jefferson Davis giuro che
avrebbe restituito il prestito.
Pare che Parker si accampo nelia piantagione dei Chennault, fuori
washington, in Georgia, dove si incontro con Jefferson Davis. Gli fu
detto di procedere verso Augusta e Savannah e di tenersi alla larga dalle
truppe dell'Unione dislocate in forza in tutta la Georgia.
Si mise in viaggio e, dopo essersi imbattuto nelle forze dell'Unìone,
dovette quasi immediatamente tornare indietro alla piantagÌone dei
Chennault. Parker non poté chiedere nuove istruzioni, perche Jefferson
Davis era già partito. Quindi il suo reparto fu assalito dai guerriglieri a
pochi metri dalla casa. Parker e i suoi fuggirono con il bottino, ma molti
credono che, non potendo portarlo via tutto, lo abbiano seppellito nella
piantagione e nei suoi dintorni. Altri sostengono che l'oro fu distribuito
ma gli abitanti del luogo e alcune voci affermano che una grossa parte
sia stara seppellita dove si incontrano i fiumi Apalachee e Oconee. Ma
sopravvive la leggenda secondo cui gran parte dell'oro fu sepolta da
qualche parre neila piantagione.
Le truppe dell'Unione occuparono subito la piantagione per cercare
L'oro e torturarono brutalmente la fàmiglia Chennault e altri membri
della tenuta per far confessare loro il luogo dove scavare. Furono anche
portati a Washington per essere nuovamente interrogati, ma nessuno di
loro sapeva o nessuno di loro rivelo il luogo in cui si trovava il tesoro
perduto.
La piantagione dei chennault, dopo questi fatti, fu soprannominata la
fattoria dorata". Numerosi cacciatori di tesori sconfinarono nella
proprietà in cerca dell'oro. Molte monete d'oro sono state trascinate
dalle violente piogge lungo sentieri fangosi vicino alla piantàgione, ma
la parte piu consistente rimane nascosta.

martedì 14 dicembre 2010

TESORI E LEGGENDE LE MONETE DOPPIA AQUILA DEL 1933



LE MONETE DOPPIA AQUILA DEL 1933
Le Doppie Aquile erano monete d'oro da 20 dollari coniate tra il 1850
e il 1933. Riproducono da un lato la figura eretta della liberta' e
dall'altro un'aquila. Erano chiamate Doppie Aquile perche fino al
tempo della Corsa dell'Oro in California la moneta piu alta valeva 10
dollari. Oggigiorno sono le monete piu rare e preziose nel mondo.
Quando divenne presidente degli Stati Uniti nel 1933, Franklin Roosevelt
porto il Paese fuori dal sistema aureo in modo che l'economia potesse
riprendersi dalla Grande Depressione. Fece ritirare da1la circolazione tutte
le monete d'oro, cosicché possederne divenne illegale. Molti cittadini
consegnarono le loro monete d'oro alle banche ma, nel frattempo, la Zecca
americana aveva coniato 445.000 monete da 20 dollari de1 1933. Non
furono mai messe in circolazione, furono invece fuse e distrutte.
Inizialmente si pensava che fossero state distrutte tutte eccetto due,
affidate allo Smithsonian Institute affinche le conservasse. Tuttavia,
qualche anno dopo, quando le Doppie Aquile iniziarono a ricomparire
nelle case d'asta,divenne chiaro che molte di esse erano state rubate pima di essere distrutte.
I servizi segreti americani entrarono in azione per rintracciare le monete ormai illegali e scoprirono che George McCann direttore della zecca americana ne aveva rubate dieci.Alla fine ne furono trovate solo nove ma la decima finì nella collezione del re d'Egitto Farouk, uno tra i maggiori collezionisti di monete al mondo. Questo esemplare, insieme agli due dello Smithsonian Institute, rappresentano gli unici tre tuttora esistenti.Nel 1944,per esportare una Doppia Aquila del 1933, re Farouk richiese una licenza, che il Dipartimento del Tesoro concesse poiché ignorava in quel momento il furto delle dieci monete. Solo in seguito il Dipartimento si rese conto di aver commesso un errore grossolano, dal
punto di vista giuridico e diplomatico. La moneta, infatti, era illegale e
per di piu rubata, ma nel pieno della Seconda guerra mondiale non era
certo opportuno sollevare un caso diplomatico, laddove i'Egitto aveva
una posizione strategica tanto importante nel cuore del Mediterraneo.
E così la CIA dovette attendere fino a quando nel 1952, Farouk fu deposto.
e la sua collezione di monete messa all'asta.
Tuttavia, subito dopo che il governo americano ebbe ordinato
ufficialmenre al governo egiziano di togliere dall'asta la moneta rubata e di
restituirla agli Stati Uniti, questa svani per circa mezzo secolo. Riapparve
nel 1996, quando un eminente e rispettato commerciante di monete,
l'inglese Stephen Fenton, porto al Waldorf Astoria Hotel di New York una
Doppia Aquila de1 1933 per venderla a dei collezionisti americani. I
collezionisti erano agenti federali, Fenton fu arrestato e la moneta
confiscata.Si pensa che sia la stessa appartenuta alla collezione di Farouk.
Fenton fu rilasciato e ricorse al tribunale per tutelare la sua reputazione
e dimostrare il legittimo diritto di proprietà. Nel frattempo 1a moneta fu
custodita in una cassaforte del World Trade Center. La questione fu
risolta fuori dal tribunale e la moneta venne trasferita a Fort Knox,nel
Kentucky, mentre venivano fatti i preparativi per metterla all'asta.
L'asta si svolse presso Sotheby's il 30 luglio 2002 e la moneta fu venduta
per 7.590.020 dollati a un offerente anonimo. La direttrice della Zecca
americana, Henrietta Holsman Fore, ne parlò come della moneta piu'
preziosa del mondo. David Redden, vicepresidente di Sotheby's, e
Lawrence R. Stack, amministratore delegato de1la Stack, affermarono:
La storia di questa moneta e uno dei piu' grandi misteri numismatici di
tutti i tempi. Tuttora, la moneta è in mostra presso la Federal Reserve
Bank di New York.
La moneta ora ha corso legale. Dopo l'asta,la Zecca americana ne
cedette la piena titolarita, rendendola l'unica Doppia Aquila del 1933
per la quale è autorizzato il possesso privato. Qualunque altra in
circolazione è ancora illegale perche rubata, e in una secca
comunicazione ufficiale i1 Dipartimento del Tesoro ha dichiarato che
ogni moneta uiteriormente ritrovata sarà confiscata e distrutta.

lunedì 13 dicembre 2010

TROVA UNA STATUA EGIZIANA FACENDO GIARDINAGGIO IN GIARDINO E LA VENDE PER DIECIMILA STERLINE



Stava facendo del giardinaggio in giardino, quando la zappa incontra la testa di una scultura egiziana del 1700 a.c.

Il proprietario ha dichiarato di non sapere come sia arrivata nel suo giardino, ma capitone il valore la mette in vendita per 10.000 sterline.

La scoperta è stata effettuata nella città di Derby in Inghilterra e probabilmente andrà a rimpinguare la collezione egizia del British Museum.

Il proprietario ha voluto restare in incognito, ma il curatore del museo ha detto che dopo averne capito di cosa si trattasse e della sua antichità si è rallegrato di non avergli fatto troppi segni con la zappa.

fonte http://www.antikitera.net/news.asp?id=9595&T=2

100.000 MONETE ROMANE TROVATE IN FRANCIA

Gli scavi archeologici nei pressi di Autun, in Francia, hanno portato alla scoperta di un antico quartiere fatto di botteghe e abitazioni agiate.
Durante le ultime settimane di ricerca, gli archeologi hanno inoltre rinvenuto un grande deposito di monete di epoca romana.
Sepolte in una fossa sigillata con delle piastrelle, vi erano circa 100.000 monete romane risalenti alla fine del III secolo d.C. Si tratta di monete di bronzo molto piccole, ciascuna pesante all'incirca 0, 4 grammi, per un totale di circa 38 kg.
Sono degli esemplari "non ufficiali", come d'altronde era ampiamente diffuso durante quel periodo molto travagliato che fu la seconda metà del terzo secolo. In quel lasso di tempo l'impero romano venne colpito da una serie di crisi gravissime: le guerre tra pretendenti al trono, le epidemie, il peso finanziario e politico dell'esercito, la pressione alle frontiere, la crisi economica, ecc.
Lo stato non era in grado di garantire pienamente la continuità e il controllo del sistema monetario. Cominciarono quindi ad apparire monetazioni in bronzo di poco valore, che possiamo chiamare "denaro di necessità": sebbene prodotte da individui, erano più o meno tollerate dallo stato. Imitavano scarsamente le emissioni ufficiali e le effigi erano difficilmente identificabili.
Le monete trovate a Autun somigliano a quelle tipiche del terzo secolo, come per esempio quelle fatte coniare sotto l'imperatore Tetrico.
L'alto contenuto di rame nelle monete ha pure permesso al cesto di vimini, in cui i pezzi erano conservati, di preservarsi parzialmente.
Anche se forse avevano un certo valore, probabilmente le monete non erano un tesoro nascosto, ma un deposito di pezzi dismessi per essere rifusi. La fossa si trovava non a caso all'interno di una fonderia.
Per ripristinare una sana economia monetaria, alcuni imperatori avevano avviato riforme e tentato di sostituire le monete vecchie che non avevano altro valore che non fosse quello del loro metallo.
Il deposito di monete di Autun potrebbe essere legato alle riforme di Diocleziano durante la Tetrarchia (fine III secolo â€" inizio del IV).

fonte http://www.antikitera.net/news.asp?id=9609&T=2